Stupidi giocattoli di legno è il saggio che ho scritto sullo skateboarding. Ne affronta gli aspetti culturali, sociali, estetici, sportivi e politici. È pubblicato da Agenzia X.

Quarta di copertina

Più stile di vita che sport, lo skate caratterizza l’identità di alcune comunità urbane, creando una precisa consapevolezza del ruolo del soggetto nello spazio in cui vive ogni giorno. Stupidi giocattoli di legno è un saggio che propone un dialogo con una molteplicità di opinioni e differenti punti di vista, offrendo così uno sguardo originale sul fenomeno. Architettura, urbanistica, semiotica, filosofia e scienze cognitive sono le discipline mobilitate per leggere i codici di una cultura giovanile che ha l’irrefrenabile desiderio di riscrivere e piegare costantemente lo spazio che ci circonda, sfuggendo nel contempo alle costrizioni dominanti. Un percorso a cui si aggiungono le voci dei protagonisti: skater, progettisti, filmaker e produttori. Il primo tentativo in Italia di riflettere su questo fenomeno usando la cassetta degli attrezzi delle scienze umane, lasciando la parola a chi lo skateboarding lo vive giorno per giorno, nella mente, sul proprio corpo e negli spazi che lo circondano.


Acquista il libro


Notizie, eventi e presentazioni

Leggi tutte le novità sul libro


Recensioni

Cosa si dice in giro a proposito del libro? Di seguito una lista delle recensioni di Stupidi Giocattoli di Legno

  • Sul numero di Aprile del giornale di strada Scarp De Tenis lo skate è in copertina. All'interno c'è un bel report di Paolo Riva sulla scena milanese e una mia piccola intervista.